Come fare durare il mulinello da mare, i consigli per tenerlo con te a lungo!

Come fare durare il mulinello da mare, i consigli per tenerlo con te a lungo!

Ti sveliamo qualche consiglio per fare durare il tuo mulinello per la pesca in mare il più a lungo possibile. L'ambiente marino è ostile per la meccanica dei mulinelli. Ecco qualche consiglio per fare in modo che l'acqua, il sale e la sabbia non lo danneggino.

Come fare durare il mulinello da mare, i consigli per tenerlo con te a lungo!

Gli elementi sensibili del mulinello

Il mulinello è composto da diversi pezzi mobili in metallo. Questi pezzi sono protetti da una scocca, il telaio. Raramente quest'ultimo è 100% a tenuta stagna, anche nei modelli top di gamma (eccetto alcuni modelli top di gamma nelle cui caratteristiche compare la menzione IP67). Le parti più sensibili sono i cuscinetti, gli ingranaggi e le parti mobili, come il pick up (l'arco che tiene la lenza) ed il sistema antiritorno. Sono pezzi piccoli che non tollerano l'accumulo di sale o di sabbia.

Come fare durare il mulinello da mare, i consigli per tenerlo con te a lungo!

Come ridurre il più possibile l'impatto dell'ambiente marittimo sul mulinello

Prima di parlare di manutenzione, la prima cosa da fare è evitare che il mulinello entri direttamente in contatto con l'acqua di mare o la sabbia. È una questione di organizzazione. Sulla barca, ad esempio, è meglio riporre i kit in un luogo asciutto durante la navigazione. Per esempio, usa dei supporti di canna più riparati dagli schizzi d'acqua, infatti gli spruzzi provocati dalla navigazione possono infiltrarsi nel mulinello. Evita anche di riporre il materiale sul fondo della barca, dove potrebbe esserci dell'acqua che ristagna.
Sulla riva, non appoggiare il mulinello direttamente sulla sabbia o sugli scogli. La sabbia si infiltra facilmente in tutti gli spazi e gli scogli possono danneggiare la vernice del telaio, che ne assicura la protezione dalla corrosione. Puoi usare un picchetto o un treppiede, che ti permetterà di cambiare le montature o di entrare in azione di pesca senza che il mulinello sia a contatto con il suolo.
Se già riesci a seguire questi pochi consigli la durata del tuo mulinello aumenterà ed avrai meno manutenzione da fare.

Come fare durare il mulinello da mare, i consigli per tenerlo con te a lungo!

Cosa fare dopo un'uscita in mare

Il risciacquo è obbligatorio, che il mulinello si sia bagnato con acqua salata o meno. Niente è corrosivo come l'aria di mare, quindi anche se pensi che il tuo materiale non abbia bisogno di un risciacquo, va passato in acqua dolce anche se è stato a contatto solo con l'aria di mare.
L’errore da non commettere è quello di immergere il mulinello in un recipiente con dell'acqua. Si infiltra in tutte le parti meccaniche senza poter fuoriuscire.
Puoi tranquillamente passarlo sotto un rivolo d'acqua corrente, della canna, del rubinetto o della doccia. Evita l'acqua calda, tende a sciogliere gli oli e i grassi che lubrificano originariamente il mulinello. È importante anche tenere la frizione stretta durante il risciacquo, in modo che l'acqua non penetri al suo interno.
Sgocciolalo bene scuotendolo energicamente e facendolo girare velocemente, in modo da eliminare l'acqua che potrebbe ristagnare in alcune parti. L'ultimo step consiste nell'asciugarlo con un panno in microfibra.
Quando è ben asciutto, ogni tanto (non necessariamente ad ogni uscita), puoi usare un olio leggero per lubrificare le parti mobili (pick up, perno di oscillazione, manovella). In caso di lunghi periodi di inutilizzo, si raccomanda anche di allentare la frizione.

Un ultimo consiglio personale. La maggior parte dei mulinelli è provvista di un ritorno automatico del pick up quando si gira la manovella. Per esperienza, evito di usare questo sistema ed ho preso l'abitudine di chiudere il pick up a mano, per sollecitare meno la meccanica. Questo evita che compaiano giochi prematuri e che le molle si rovinino.

Ecco, adesso conosci i trucchi principali che ti permetteranno di fare durare il tuo mulinello da pesca in mare il più a lungo possibile.

Un'altra volta inizieremo ad affrontare la parte sulla revisione più spinta. Ma se non hai lo spirito da meccanico ti consiglio di rivolgerti al tuo rivenditore che farà intervenire il servizio post-vendita.

Alcuni pezzi d'usura sono disponibili nella nostra sezione Pezzi di ricambio, per molti modelli di marca Caperlan.

Come fare durare il mulinello da mare, i consigli per tenerlo con te a lungo!

choisir ses appats mer

Come scegliere le esche vive da mare?

Per i pesci, l'esca naturale sarà sempre irresistibile. Gli aromi naturali che emanano attirano i predatori verso le nostre lenze. Vermi ? Crostacei? Pesci? Cefalopodi (seppie, calamari)? Molluschi? Tutte queste esche sono efficaci nella pesca in mare. Vi presentiamo le loro specificità per aiutarvi a fare la scelta giusta.

support canne

Come scegliere il poggia canne per la pesca in mare?

Scopri i nostri consigli per scegliere il giusto supporto per le tue canne in base alle caratteristiche del luogo di pesca.

Tecnica polivalente

PESCA DALLA RIVA: LE TECNICHE PIU' PRATICATE

L’estate è un momento propizio per pescare in riva al mare. Sole, vacanze, svago: sono tutti buoni motivi per stare a riva. Ma quale tecnica usare? Quali pesci cercare e dove? Con quali attrezzi? Che tu sia agli inizi o più esperto, con i nostri consigli la pesca d’estate diventerà un piacere.